Chi siamo

Semplice! Dei rivoluzionari.
Un po’ più preciso: Dei rivoluzionari del cibo.
Contestualizzato? Dei rivoluzionari del cibo che vengono da tutta Italia
In due righe e mezza!! Dei rivoluzionari del cibo che vengono da tutta Italia e che si uniscono in un fantastico progetto per portare la Food Innvoation nelle mani (e soprattutto nelle bocche) dei cittadini di tutta la Penisola.

Insomma, siamo una rete di start-up, associazioni, e altre realtà made in Italy che si occupano di innovare il modo di pensare il cibo : L’Alveare che dice Sì!Gnammo, Last Minute Sotto Casa e tanti altri ancora che, grazie alla co-organizzazione e al patrocinio di Seeds&Chips, stanno per lanciarsi in un magnifico progetto.

 

Contesto

Il mondo del food è da sempre presente nella nostra vita quotidiana: il cibo è cultura, amore, socialità, modus vivendi. Ci sono tantissime realtà che innovano quotidianamente questo settore, in tutte la sue tappe: dal miglioramento dei sistemi produttivi all’ottimizzazione della distribuzione, dai condizionamenti intelligenti alla lotta contro gli sprechi.
Quello che vogliamo fare è portare questa innovazione dai nostri campi, uffici o laboratori alle maggiori piazze italiane, facendo scoprire a tutti come il nostro modo di mangiare si è evoluto, concentrandosi non su quale sarà il futuro remoto ma sugli attori che stanno attivamente rivoluzionando il modo di relazionarsi con il cibo. Proprio per questo abbiamo deciso di toccare con il nostro tour 6 delle principali città italiane, dal Nord al Sud, partendo da Terra Madre ed il Salone del Gusto a Torino, per arrivare a Bari: 1000 km all’insegna del Kilometro Zero…e della Food Innovation!

 

Il nostro progetto

Vogliamo dare voce a tutte le iniziative che, unendo tecnologia e socialità, stanno radicalmente trasformando il mondo del food italiano. Vogliamo raccontare l’Italia dell’innovazione nel Food, far conoscere e testare alle masse le iniziative più valide che stanno portando una rivoluzione nel mondo del consumo: iniziative cittadine, regionali, nazionali, che lottano per migliorare un sistema troppo consumista, sprecone, poco attento agli aspetti etici, sociali ed ambientali.
L’idea è creare in ogni città un “Food Innovation Village” che unisca e dia voce alle diverse realtà del settore e in cui i cittadini di tutta Italia possano testare concretamente le diverse iniziative e capire direttamente come sta evolvendo il mondo in cui viviamo.

Commenti chiusi